Articoli

IL CORAGGIO DI PROVARCI

Ci abbiamo creduto fin dall' inizio a questa prima Convention Regionale, tanto da trovarle un nome "Lombardia Experience" perché di questo si doveva trattare, un' esperienza dalla quale portarsi a casa qualcosa di utile.

Certo ci voleva una buona dose di coraggio nel proporre un programma tanto intenso, in 2 giorni 7 stages tematici, 2 seminari per crediti formativi, un corso per dirigenti di Società, le qualificazioni regionali al Trofeo Coni, esami per passaggio di grado, esami di qualifica, incontri e dibattiti.

Ebbene è stato un piacere vedere i partecipanti passare da un tatami all' altro, da una sala all' altra, dal palasport all' hotel e viceversa senza soluzione di continuità e c' è stato pure lo spazio per il gioco.

Al primo tentativo non potevamo pretendere partecipazioni massicce ma siamo soddisfatti del numero dei presenti, mai un momento vuoto, mai un evento poco partecipato e soprattutto ciò che più conta il gradimento che ci pare avere intuito fra gli ospiti.

Non ci resta che sederci e pensare a come migliorare ulteriormente questa formula, renderla ancora più attraente e fruibile e perché no, coinvolgere tutte le discipline federali. Sarà la seconda parte della scommessa, tutta F.I.KBMS regionale riunita in un grande meeting.

Al prossimo anno!!

05/06/2018 19:28

Cristina Caruso che decise di non prenderle più

24/07/2017 12:47

Bestfighter WAKO Kick boxing World Cup – TEAM LOMBARDIA RING JUNIORES

Bestfighter WAKO Kick boxing World Cup – TEAM LOMBARDIA RING JUNIORES

Trascorsi dieci giorni dallo svolgimento dello storico torneo Bestfighter nella imponente cornice del 105 Stadium di Rimini è tempo di valutazioni e riflessioni per il Team Lombardia juniores per le specialità a contatto pieno.

Partiamo dalle settimane precedenti alla gara, siamo costretti a rinunciare ad alcuni degli atleti più competitivi della squadra per vari motivi, sappiamo che sicuramente questo influirà sui risultati finali della competizione ma non perdiamo di vista il nostro obbiettivo: formare atleti da ring competitivi mediante l’attività istituzionale e le esperienze in campo internazionale con la collaborazione tra D.T. di società e Team Lombardia.

Alla luce di quanto sopra decidiamo di schierare una seconda squadra, infatti escluso Christian Pedretti tutti gli altri atleti sono al loro esordio internazionale.

L’impatto nel torneo è subito forte e ci troviamo opposti immediatamente alla vera e propria armata russa che decide di fare di questa gara un banco di prova tra prima e seconda squadra nazionale, ci vuole poco ad immaginare il livello tecnico ed atletico della competizione quando si hanno in categoria atleti di questo calibro.

Personalmente non nascondo che alla vigliala della competizione ero preoccupato, mi chiedevo: sarà corretta la nostra scelta? Rinunciare e non partecipare a causa delle assenze o rischiare e cercare di competere con la seconda squadra volendo fare crescere nuovi elementi da inserire in prima e preparare il prossimo cambio generazionale?

Inizia la competizione ed il primo in gara è Christian Pedretti, l’unico ad avere già un minimo di esperienza all’estero.

Pedretti è opposto ad un longilineo russo, vince le prime due riprese con precisi low kick, la terza ripresa però ha un forte calo atletico e arriviamo all’ultimo secondo in parità, il russo esperto mette il punto decisivo e perdiamo.

Un appunto, sempre più spesso ci troviamo con i nostri atleti ad essere competitivi tecnicamente e strategicamente ma poi perdiamo per un punto all’ultimo secondo per il solito calo atletico finale, questo problema è risolvibile solo con una giusta preparazione atletica mirata ai ritmi e ai tempi del TORNEO internazionale.

Secondo in gara Alessandro Franzoni, per lui un ottimo atleta francese con cui Alessandro paga l’inesperienza ma svolge nel suo complesso un buon incontro.

Anche con Franzoni ho rilevato troppa tensione concentrata sull’atletismo e non sull’incontro in generale, tutto risolvibile con il lavoro e l’attività che potrebbero eliminare questa insicurezza.

Terzo atleta sul ring Nicola Minini, opposto ad un vero e proprio pugile russo cerca di tenergli testa con orgoglio fino alla fine, ma a oggi il divario di esperienza è troppo, nulla da fare ma terminiamo l’incontro con la consapevolezza di poter ambire ad alti livelli, il lavoro da fare è molto ma sicuramente Nicola ha tutte le carte in regola e la volontà per arrivare in alto.

Ultimo a gareggiare è Gustavo Mazzola che si trova ad incrociare i guanti con l’atleta nazionale ucraino, parte bene e siamo in vantaggio ma poi l’esperienza dello straniero esce tutta e con una furba ginocchiata lo costringe alla resa.

Questo incontro è stato la dimostrazione che in questi tornei di alto livello nessuno regala nulla, anzi al contrario la motivazione degli atleti è altissima e la voglia di vincere altrettanto, un piccolo errore o sbavatura di qualsiasi tipo possono costare molto caro.

In definitiva non conquistiamo vittorie ma acquistiamo consapevolezza sulla validità del lavoro che stiamo svolgendo, in due settimane è nata una seconda squadra sintomo che il movimento giovanile del ring in Lombardia sta crescendo nei numeri e non solo.

Da quello che gli esordienti hanno messo in mostra sarà fondamentale dare il massimo nella nuova stagione per i titolari della prima squadra per potersi riconfermare.

Da sottolineare anche le superlative prestazioni di molti altri juniores italiani in gara sul ring di Rimini tra cui le medaglie d’oro Francesco Tursi, Antonio Gravela e Debora Fiorino..complimenti!

Ora piccola pausa poi in preparazione per i prossimi Campionati d’ Europa WAKO di Skopje.

Elio Pinto

29/06/2017 21:42

Mara parte a caccia di Sogni!

Mara parte a caccia di Sogni!

di Cristina Caruso

 

Gente c'è da dirlo: la Fikbms colleziona gemme rare nella vetrina di atleti che la rappresentano nelle sue molte discipline e per quel che riguarda le MMA, Mara Borella è una delle gemme più brillanti.

Classe 1986, nasce judoka e porta a casa discreti risultati, però negli ultimi 4 anni si appassiona all'MMA e decide di specializzarsi. Partiamo dal presupposto che per lei MMA non rappresenta solo l'acronimo di un regolamento, bensì è la ricerca del significato più vero di Arti Marziali Miste.

Studia tutto il combattimento con la stessa mente e dedizione di un Samurai, il suo nome difatti è KUNOICHICI nel caso non lo sapeste!

Macina km col sorriso stampato, gli occhi che le brillano e l'umiltà sfrenata di un allievo al suo primo giorno in palestra. Mercoledì Milano: striking coi fratelli della Ludus Magnum, Martedì e giovedì: BJJ con gli amici del Bear's dojo, tutti gli altri giorni col team Kick Boxing Jiu Jitsu School a far quadrare il tutto.

Mara ora sta rischiando grande, sta rischiando tutto per raggiungere il Sogno più ambito per una fighter come lei... signore e signori parliamo di UFC!

Ha inanellato un record di 5 vittorie consecutive e ciò la porta ad essere un'atleta decisamente interessante per quella sigla che ormai è sinonimo diretto dell'MMA.

Vittorie cercate, studiate, volute ma soprattutto COMBATTUTE! Anche quando i match dovevano essere solo delle conferme si è trovata a combattere contro l'interpretazione ambigua di questo regolamento... ma a Mara frega niente e vince tutto!! Anche i ricorsi! (vedi Borella vs Ovchynnikova)

Troppo spesso si dice che per le donne è più facile diventare campionesse perchè siamo poche, perchè meno forti, alcuni dicono anche meno tecniche... tsè! Gira la medaglia e capirai che sono solo frustrazioni maschili! Proprio perchè siamo poche è difficile trovare match di livello, che per allenarci bene

siamo disposte a ogni compromesso di peso ed esperienza, che a differenza di un uomo abbiamo delle emotività imperanti che ci portano a fare scelte ben decise per ciò che riguarda la vita. Ci troviamo spesso a sacrificare il nostro essere Donne per inseguire quel Sogno in cui crediamo solo noi.

Tanti sono gli atleti che si impegnano, che lavorano sodo, sacrificano tempo, denaro, salute fisica e mentale...ma il vero "Atto di Fede" sono davvero pochi a riuscire a praticarlo.

Ecco perchè Kunoichici è una vera gemma, perchè va alla ricerca del Buon Combattimento ogni singolo giorno della sua vita ed ora non aspetta più nessuno, parte e va nel Nuovo Mondo ad allenarsi all'American Top Team, la tana dei migliori. Miami è la mèta, molti gli atleti UFC con cui confrontarsi per riuscire ad emergere...comunque sia un altro pezzo di sogno è stato conquistato.

Ragazzi non ce n'è! Quando una persona CREDE disperatamente in qualcosa semplicemente va e se lo prende...basta tener a mente che i Sogni nel cassetto fanno la muffa!

Questo perciò vuole essere un saluto intimo e un augurio importante da parte della sottoscritta, anche se penso di poter parlare per tutte le persone che hanno avuto l'onore di conoscerti...Noi sogniamo insieme a te, tu fai diventare il Sogno Reale!

BUON VIAGGIO E BUON COMBATTIMENTO!

 

Cristina Caruso

13/04/2017 08:50

Karlovac Open-Croazia Febbraio 2017

27/02/2017 13:12

LOMBARDIA vs OLANDA

02/12/2016 14:58

COLLEGIALE TEAM LOMBARDIA SPORT DA RING 02 OTTOBRE 2016

Si è svolto lo scorso 02 Ottobre 2016 presso il Centro Sportivo Universitario di Dalmine (Bg) il collegiale di selezione del Team Lombardia.

La giornata promossa dal CR Lombardo in collaborazione con i vari referenti regionali di settore vedeva impegnati circa 95 giovani atleti in tutte le specialità, sia da tatami che da ring.

Quest’attività ha lo scopo di formare un team regionale che permetterà ai ragazzi di partecipare a vari tornei internazionali WAKO completamente spesati dal comitato regionale con la finalità di acquisire esperienza in vista dei prossimi Campionati d’Europa WAKO.

Durante la presentazione della giornata e del Team Lombardia avvenuta a cura del Presidente regionale Marco Bertoletti sono stati menzionati i vari medagliati ai recenti Campionati del Mondo WAKO di Dublino ed a giudicare dalla lunga lista la validità del progetto è indubbia!

Tra i nominati per le specialità da ring spiccano: LUCA PELIZZOLI (Kick Boxing Bergamo) MEDAGLIA DI BRONZO nella low kick e DANIEL RADUTU (Cskb Trescore) MEDAGLIA D’ORO nel K1.

Buona come sempre la risposta delle società lombarde per gli juniores del ring, infatti il raduno vedeva impegnati 15 giovani di ottime speranze.

Durante la fase di addestramento tecnico sono stati affrontati i seguenti temi: utilizzo degli assi di combattimento sia in fase offensiva che difensiva, differenza tra combattimento giudicato con score machine e combattimento giudicato mediante l’utilizzo di cartellini. A seguire un ottima fase di sparring vincolato e libero.

Personalmente vista la validità degli elementi, in particolare di 8 giovani, e il crescente livello tecnico di questo settore in sviluppo mi ritengo soddisfatto della giornata e entusiasta per l’attività regionale e nazionale che seguirà durante l’anno.

Facendomi portavoce anche del Collega Alessandro Topa in qualità di DT della nazionale juniores sport da ring siamo ad invitare i vari Comitati regionali ad intraprendere questa fruttuosa strada di formazione dei giovani atleti del contatto pieno ed a metterci a piena disposizione per qualsiasi necessità.

Elio Pinto

04/11/2016 14:27

I GIOVANI LOMBARDI A MARSIGLIA

Marsiglia ha ospitato "Le Choc Des Etoiles" , galà Italia vs Francia, un torneo dedicato al settore giovanile specialità kick light.

A rappresentare l'Italia c'erano cinque atleti del Team Lombardia e uno del team "Pocobelli" accompagnati e guidati all' angolo dai tecnici Touissi Khalid e Giuseppe Del Gaudio.

Buona l'organizzazione di questa manifestazione sotto l'egida della federazione FFKMDA , che per l'occasione schierava i migliori atleti di Francia .

Tutti i match si sono svolti su ring 4x4, aumentando di conseguenza l'intensità dei combattimenti, che sono stati tutti di alto livello tecnico.

Partendo dai due italiani vincitori, eccellente prova per  Riccardo Soldi (Dynamite Team) che nella  cat. 57 kg ,che batteva di misura il vice Campione di Francia Napolitano Theo.

Ottima vittoria anche per Lorenzo Del Gaudio negli junior 63 kg  che batteva in un match molto teso il Campione di Francia Sammartino Lorenzo.

Non riescono a vincere ma si comportano egregiamente Toussi Adam (CSKB ), Minini Nicola (CSKB) e Gorgeac Drhagos (Team Pocobelli).

Da citare anche la piccola Gessica Filippi (CSKB) che a causa della differenza di peso con l'avversaria (10 kg in meno) è stata costretta a disputare un' amichevole.

Ringraziamo la Federazione Francese per la bella opportunità concessa, ulteriore momento di crescita per i nostri ragazzi.

26/05/2016 22:26

La fase sul campo L’angolo di fase: valore bioelettrico per programmare e monito

29/05/2016 19:02

IN EVIDENZA:

01/11/2015 22:53

1 - LA PRIMA VOLTA DEL TROFEO CONI

Casazza, piccolo centro delle Prealpi Orobiche...

25/11/2015 10:48

2 - GIOVANI ATLETI LOMBARDI CRESCONO!!!

Si è svolta in Croazia....

25/11/2015 10:48

3 - 100 ANNI CONI, PREMIATI I CAMPIONI LOMBARDI

Il CONI Lombardia si stava preparando da tempo...

25/11/2015 10:41

4 - RESPINTO IL RICORSO DI GIORGIO LICO

Respinto in parte e in parte dichiarato inammissibile ricorso di Giorgio Lico contro FIKBMS per annullamento assemblea elettiva federale...

26/11/2015 11:18

5 - IL PRESIDENTE DONATO MILANO INCONTRA LE SOCIETA’ LOMBARDE

Intensa e partecipata, così può essere definita la riunione tenutasi presso il CONI Lombardia a Milano lo scorso 11 ottobre...

26/11/2015 11:18

6 - LA FESTA DI F.I.KBMS LOMBARDIA

Gran bella giornata quella vissuta lo scorso 14 giugno a Costa Volpino (BG) dove...

26/11/2015 11:34

7 - TEAM LOMBARDIA AL BEST FIGHTER

Non è passato neanche un anno da quando il referente del settore giovanile Del Gaudio Giuseppe ha portato il progetto...

26/11/2015 11:59